Bassanini è presidente della Cassa depositi è prestiti ” La Cassa depositi e prestiti (CDP) è una Società per azioni a controllo pubblico: lo Stato possiede il 70% del capitale di CDP, mentre il restante 30% è posseduto da 66 Fondazioni di origine bancaria. CDP da 160 anni persegue una missione istituzionale: finanziare lo sviluppo del Paese.” ( dal sito della CDP).

Nelle intenzioni di Bassanini questa cassa deve privilegiare i finanziamenti alle aziende private piuttosto che quelle pubbliche, per esempio ACEA piuttosto che l’Acquedotto Pugliese, tuttavia questi soldi sono in gran parte di provenienza pubblica, cioè soldi di noi cittadini.

Quindi l’ipotesi che ci viene proposta è privatizziamo la gestione della rete idrica (per carità solo la gestione!!!), poi facciamoci carico di garantire ai gestori privati la possibilità di fare investimenti con i nostri soldi e dopo avergli prestato i soldi garantiamogli anche  un piccolo guadagno sicuro di almeno il 7% che gli verseremo direttamente in bolletta!

Il significato che tutti noi che sosteniamo il referendum contro la privatizzazione del servizio idrico diamo al termine “sviluppo del paese” è evidentemente molto diverso da quello di Bassanini, i nostri riferimenti sono i Beni Comuni e la Comunità, non i bilanci di Caltagirone o delle multinazionali francesi. E a differenza di Bassanini noi riteniamo che le risorse per il servizio idrico non devono essere pensate in competizione con quelle per la scuola, l’ordine pubblico, la giustizia, la ricerca, il welfare ma per esempio devono essere pensate in competizione con le spese per gli armamenti: quanti metri di tubature per l’acqua possiamo fare rinunciando all’acquisto di un aereo da guerra F35?

Intervista di Bassanini apr2011

Su questo sito sono comparti diversi articoli di Rodotà, Molinari, Martinelli che confutano le dichiarazioni dell’onorevole.

Recommended Posts